Requisiti e condizioni da rispettare per un prestito cambializzato con garante

Indice dei contenuti

Se avete difficoltà ad a richiedere un finanziamento perché risultate essere cattivi pagatori, ma avete bisogno di liquidità urgente, potete sempre provare con un prestito cambializzato.

Si tratta di una particolare forma di finanziamento che non viene concessa da tutti gli istituti di credito, ma quelli che lo permettono restano l’unica alternativa per ottenere del credito.

In questa guida vi spieghiamo requisiti e condizioni da rispettare per un prestito cambializzato con garante.

Cos’è il prestito cambializzato

Prima di andare a vedere quali sono i requisiti e le condizioni da rispettare per un prestito cambializzato con garante, cerchiamo di spiegarvi nello specifico di cosa si tratta.

Il prestito cambializzato è una forma di finanziamento in cui le cambiali rappresentano la garanzia dello stesso e tramite le quali andrete a saldare le rate di rimborso mensili al creditore che vi ha erogato la somma di cui avete necessità.

È un’opportunità che viene riservata a tutti coloro che hanno avuto difficoltà ad accedere ai classici finanziamenti perché non posseggono i requisiti necessari per ottenerli, come ad esempio una busta paga, oppure a coloro che sono considerati cattivi pagatori, cioè hanno avuto problemi con il pagamento delle rate di precedenti finanziamenti e quindi protestati e inseriti nelle liste della Crif, la Centrale dei Rischi Finanziari.

Nella fase istruttoria di chi richiede un prestito cambializzato, l’istituto di credito o la finanziaria non verificano la vostra situazione debitoria e quindi la vostra credibilità finanziaria, in quanto il prestito è garantito dalle cambiali.

Il prestito cambializzato rientra nella categoria dei prestiti personali non finalizzati, per cui non avrete bisogno di motivare la vostra richiesta per giustificare la somma che state chiedendo in prestito, quindi come forma assomiglia molto al prestito fiduciario.

Potete richiedere un prestito cambializzato con garante alla vostra o ad altra banca oppure facendo richiesta ad un istituto di credito o a una finanziaria online.

Le finanziarie online sono solitamente più disponibili a concedere questo tipo di prestito. Dovrete semplicemente collegarvi al loro sito web e inoltrare richiesta di preventivo, corredata dai documenti che vi verranno richiesti. In breve tempo sarete contattati da un consulente finanziario che valuterà la vostra richiesta e vi comunicherà la fattibilità o meno dell’operazione.

Rispetto agli istituti di credito fisici, inoltre, quelli online applicheranno spese di istruttoria minime, in quanto l’iter delle operazioni è molto più snello.

Cos’è la cambiale

Come abbiamo anticipato in apertura di questa guida, questa tipologia di prestito è caratterizzata dall’utilizzo della cambiale, un titolo di credito che viene considerato dall’istituto la garanzia dello stesso finanziamento nel caso in cui non foste più in grado di saldarne le rate.

La cambiale infatti non è altro che un titolo di credito esecutivo. Ciò vuol dire che, se non riuscirete a pagare anche solo una di queste cambiali, il creditore può procedere immediatamente, protestandovi e chiedendo il pignoramento dei vostri beni.

La cambiale può essere emessa in due forme:

  • Nella forma di un pagherò, grazie alla quale emetterete una cambiale promettendo di saldare la somma che avete richiesto in prestito.
  • Nella forma di tratta. In questo caso è l’istituto di credito che vi ordina di saldare a un soggetto terzo (solitamente lo stesso istituto di credito) la somma stabilita, nel giorno concordato in sede di contratto. Rimborserete quindi il prestito cambializzato dopo previo avviso di pagamento da parte dell’istituto, che di solito avviene dieci giorni prima della scadenza, e voi dovrete recarvi presso la sede per saldare la rata.

Essendo una tipologia di prestito a rischio sia per il creditore che per il debitore, i prestiti cambializzati hanno di norma dei tassi di interesse più alti rispetto a tutti gli altri tipi di finanziamento. Inoltre, ci sono delle spese aggiuntive che dovrete considerare, come ad esempio quelle relative al costo delle cambiali, ai bolli, alle assicurazioni, all’istruttoria e per la registrazione dei contratti. Tutti questi costi sono di solito inseriti e spalmati all’interno delle rate mensili che andrete a rimborsare.

Il prestito cambializzato con garante

Anche se l’istituto di credito non verifica la vostra situazione debitoria pregressa e la cambiale rappresenta la prima garanzia, in molti casi vi chiederà la presenza di garanzie ulteriori, che possano maggiormente tranquillizzarlo sul rimborso del prestito che vi concederà.

Solitamente, vi verrà richiesta la presenza di un garante del prestito, ovvero di una terza persona che abbia delle caratteristiche reddituali e patrimoniali tali da poter garantire il rimborso delle cambiali qualora voi foste più in grado di saldarle.

Questa terza persona, quindi, deve essere in possesso di una busta paga derivante da lavoro dipendete con contratto a tempo indeterminato. Se poi è anche proprietario di immobili, la finanziaria sarà ancora più disponibile a concedervi un prestito.

È quindi necessario che scegliate bene la persona che volete presentare come garante di un prestito cambializzato e che questa sia informata sul fatto che, se dovesse anch’essa essere insolvente, potrebbe altresì correre dei rischi e vedersi inserita nelle liste dei cattivi pagatori o subire un pignoramento dei beni.

Requisiti e condizioni da rispettare per un prestito cambializzato con garante

I requisiti per ottenere i prestiti cambializzati sono i seguenti:

  • Avere un’età compresa tra i 18 e i 70 anni (alcune finanziarie lo permetto fino a 80 anni)
  • Possedere la cittadinanza italiana

Le garanzie richieste a sostegno di un prestito cambializzato sono differenti anche in base alla vostra posizione, ovvero:

  • Se siete lavoratori autonomi o liberi professionisti, vi verrà richiesto di sottoscrivere una polizza assicurativa.
  • Se siete lavoratori dipendenti, la finanziaria potrebbe chiedervi di mettere a disposizione come garanzia il vostro TFR.
  • Se siete pensionati, vi verrà richiesta la certificazione da parte dell’ente pensionistico al quale appartenete.
  • Se siete lavoratori atipici, precari, neoassunti o disoccupati, ovvero fate parte della categoria di clienti senza busta paga o senza reddito mensile, vi verrà richiesta la figura di un garante del prestito o, se siete proprietari di immobili, l’ipoteca su uno di questi. Oltre a una di queste garanzie, potrebbe esservi richiesto anche di sottoscrivere una polizza vita.

Dopo l’accettazione della richiesta di un prestito cambializzato con garante e la firma del contratto, la somma sarà liquidata entro dieci giorni, in un’unica soluzione tramite bonifico bancario o assegno circolare.

Si può estinguere un prestito cambializzato?

Così come qualsiasi altra tipologia di finanziamento, anche un prestito cambializzato può essere estinto anticipatamente e senza pagare delle penali mediante il conteggio estintivo, che sarà rilasciato dall’istituto di credito o dalla finanziaria erogante e che riporta l’ammontare della somma da restituire.

Vantaggi e svantaggi del prestito cambializzato

I principali vantaggi di un prestito cambializzato sono:

  • Il piano di rimborso è molto flessibile: rispetto alle tradizionali tipologie di finanziamento, il prestito cambializzato è molto più elastico e flessibile perché potrete emettere nuove cambiali o andare a rinnovare quelle che siete stati impossibilitati a pagare. Tuttavia, è bene che teniate presente che tutte queste operazioni hanno dei costi che dovrete sostenere.
  • Potete accedervi anche senza busta paga: anche se non possedete una busta paga e quindi siete lavoratori autonomi, liberi professionisti, precari o disoccupati, potete accedere ai prestiti cambializzati.

Gli svantaggi di un prestito cambializzato con garante sono invece i seguenti:

  • Sarete sottoposti a protesto in caso di insolvenza: nel caso in cui non riusciate a pagare in tempo le cambiali e quindi verrete protestati, sarà per voi impossibile ottenere qualsiasi altro tipo di finanziamento prima che abbiate risolto le precedenti situazioni debitorie
  • Ha un costo elevato: il prestito cambializzato ha dei costi molto elevati e questi rappresentano un’ulteriore forma di tutela per i creditori, visto l’alto rischio connesso.
  • Vengono richieste delle garanzie: per ottenere questo tipo di prestito dovrete presentare delle garanzie a supporto, come una fideiussione, una polizza assicurativa, un pegno sui titoli o l’ipoteca su un immobile.