Prestiti con garante Intesa San Paolo: guida alle migliori offerte

Indice dei contenuti

Se vuoi conoscere cosa sono i prestiti con garante di Intesa San Paolo, sei nel posto giusto. In questa guida ti spiegheremo tutto ciò che devi sapere su questa tipologia di finanziamenti. Ma prima capiamo cosa sono i prestiti con garante e quali sono le loro caratteristiche.

Prestiti con garante: cosa sono

I prestiti con garante sono una tipologia di finanziamento che prevede la designazione di una terza persona che si assume la responsabilità di pagare una o più rate che l’effettivo beneficiario non è in grado di pagare. Sembra una situazione irreale? Non lo è.

Quando vengono accordati dei finanziamenti da parte di una banca, può accadere che in corso d’opera il debitore non abbia più i fondi disponibili per poter rimborsare le rate rimanenti per estinguere l’intero debito. In questi casi il beneficiario del prestito potrà rivolgersi alla banca con cui ha stipulato il contratto di finanziamento e potrà designare un garante per poter proseguire nel finanziamento. Ma il garante spesso non rappresenta solo un’opzione dei prestiti, infatti a volte diventa un vero e proprio obbligo.

La banca può infatti richiedere l’uso di un garante quando i richiedenti di un prestito non soddisfano i requisiti minimi per poter accedere ad un credito. In questo caso non vuol dire che tali persone che hanno fatto la richiesta non possono più accedere al prestito, ma potranno incaricare una terza persone di fargli da garanti.

Questo accade quando i richiedenti non hanno tutte le garanzie necessarie per poter oltrepassare il parere di fattibilità da parte della banca. Può accadere se il richiedente non ha una busta paga, se è un lavoratore occasionale, se è disoccupato. Ma anche se è uno studente o un casalingo, se è possessore di partita iva o se è lavoratore autonomo. Ma la finanziaria potrà richiedere il garante anche nel caso in cui il richiedente del credito sia un cattivo pagatore. O anche se è un pensionato che percepisce un cedolino pensionistico con un assegno sociale o minimo.

Insomma, sono davvero molte le situazioni in cui sarà possibile aver bisogno di un prestito con garante. Ma scopriamo meglio chi è il garante e quali requisiti deve rispettare.

Chi è il garante e quali sono le sue caratteristiche principali

Il garante viene denominato anche fideiussore ed è un terzo attore che entra nel gioco dei prestiti, insieme al debitore e al creditore. Il ruolo del garante è quello di farsi carico del finanziamento dell’effettivo beneficiario, sia parzialmente che nella sua interezza. Infatti i fattori che determinano il ruolo del garante sono quello di straordinarietà e quello di accessorietà.

Per straordinarietà si intende che il fideiussore prende il posto del beneficiario solo in via temporanea e che non è tenuto a coprire l’intero importo del debito, ma anche solo alcune rate. Per accessorietà invece ci si riferisce al fatto che il fideiussore ha un ruolo comunque marginale nel prestito, il beneficiario resterà comunque l’attore principale.

Il garante dovrà però rispettare comunque dei requisiti altrimenti non verrà ammesso dalla banca. Infatti dovrà disporre di un‘entrata fissa mensile, sia attraverso un buon contratto di lavoro, quindi indeterminato, oppure con una soddisfacente pensione. Inoltre non dovrà essere disoccupato, inoccupato, né dovrà essere un lavoratore occasionale. Infine non dovrà aver accumulato dei debiti né dei protesti e non dovrà esser stato bollato come cattivo pagatore. Pertanto il garante non potrà trovarsi nel database definito Centrale di Rischi Finanziari dove ci sono tutti coloro che si sono mostrati insolventi nel pagamento di una o più rate.

Prestiti con garante di Intesa San Paolo

Intesa San Paolo è l’istituto di credito nato con la fusione di SanPaolo IMI e Banca Intesa. Oggi rappresenta una società leader a livello nazionale con oltre 4 mila filiali in tutta Italia e anche mille filiali in tutta Europa. Intesa San Paolo è il gruppo più scelto per una vasta selezione di prestiti. Dai finanziamenti veloci per chi necessita di avere una liquidità nell’immediato, fino ai prestiti per pensionati Inps, per dipendenti pubblici e molti altri ancora. Tra i tanti finanziamenti di Intesa San Paolo ci sono anche i prestiti con garante.

I prestiti con il garante di San Paolo sono soprattutto quelli rivolti a studenti, a giovani disoccupati o inoccupati e anche ai precari. Con queste soluzioni di credito, San Paolo consente di utilizzare una terza persona, magari un familiare con una busta paga, come garante del finanziamento. Il garante avrà il compito di pagare le spese e i tassi di interesse del debitore.

Come ottenere i prestiti senza busta paga con garante di Intesa San Paolo

La banca Intesa San Paolo consente di accedere anche a prestiti a tasso zero senza anticipi per chi ha un conto presso la società. Si tratta di prestiti finalizzati che consentono di ricevere l’importo direttamente presso il negozio convenzionato. Il piano di rimborso durerà dai 6 mesi fino ai 120 mesi.

Se non si ha la busta paga si potrà sempre ricevere i prestiti ma bisogna presentare un garante. Infatti, se si riesce a trovare una terza persona disponibile a coprire il debito, l’iter sarà più facile. Il fideiussore in questione dovrà però rispettare dei criteri di ammissibilità. Ad esempio occorrerà che la persona disponga di una solidità economica e dovrà anche avere una certa affidabilità creditizia.

In poche parole dovrà avere gli stessi requisiti che dovrebbe avere il beneficiario del prestito Intesa San Paolo. Ma se il garante ha già dei prestiti in corso o è garante di altri finanziamenti allora non sarà possibile procedere con la pratica.

Prestiti senza garante Intesa San Paolo

Intesa San Paolo offre anche molte soluzioni per chi ricerca dei prestiti senza garante. In particolare, con la soluzione per studenti, la banca mette a disposizione un fondo di specializzazione intelligente con un credito a tasso zero e senza necessità di garanzie personali.

Si tratta di soluzioni di credito con il quale sarà possibile ottenere fino a 50 mila euro di credito a tasso zero per finanziare gli studi in Italia o anche all’estero. Questi crediti offrono ulteriori agevolazioni se si è residenti nel Sud Italia con finanziamenti a Tan zero e a Taeg zero.