Guida ai prestiti cambializzati con garante: condizioni per l’ottenimento

Indice dei contenuti

Esistono diverse tipologie di prestiti, ciascuno con le proprie caratteristiche e adatto alle condizioni del soggetto richiedente. Un aspetto fondamentale prima di richiedere un prestito è proprio capire e individuare quello giusto, ovvero quello che ti aiuterà a risolvere o a migliorare lo stile di vita. Infatti, al di là del modo in cui si impiegheranno i soldi presi in prestiti, il fine sarà sempre quello di aggiungere qualità alla propria quotidianità. Vediamo in questa pagina cosa sono i prestiti cambializzati con garante, ciò che occorre fare per richiederne uno e quali sono le condizioni per ottenerlo.

I prestiti personali

I prestiti cambializzati rientrano nella categoria dei prestiti personali. Vi sono diverse diverse soluzioni di prestiti, ma in generale i finanziamenti si dividono in due grandi tipologie:

  • i prestiti personali e
  • i prestiti finalizzati.

La differenza tra i due tipi di prestiti consiste nella loro finalità. I primi possono essere richiesti, e quindi erogati, senza specificare il motivo per cui si richiede la somma di denaro. Quindi i prestiti personali possono essere impiegati per ciò che vogliamo. I prestiti finalizzati, invece, sono quei particolari tipi di finanziamenti per cui occorre specificare la motivazione della richiesta. Quindi possono essere impiegati esclusivamente per l’acquisto di un preciso bene o comunque per uno specifico scopo.

Cos’è un prestito cambializzato

Che cos’è un prestito cambializzato? Si tratta di una forma particolare di finanziamento perlopiù pensata per chi non ha facile accesso al credito tradizionale, perché non possiede una busta paga, o anche perché risulta un cattivo pagatore. Come lo stesso nome del prestito ci suggerisce, il pagamento della somma avuta in prestito dalla banca deve essere restituita tramite delle cambiali. Si tratta di un finanziamento per molti aspetti simile al prestito fiduciario, perché non prevede forme di garanzie, se non quella di dover dimostrare all’istituto di credito che eroga il denaro che si è in una adeguata situazione economico e finanziaria. Vediamo, quindi, cosa sono le cambiali e come devono essere pagate.

Cosa sono le cambiali?

La cambiale è un titolo di credito, quindi rappresenta una sorta di garanzia al pagamento delle rate mensili di un prestito. Nel caso in cui, ad esempio, il soggetto non dovesse saldare le rate del prestito, la banca o chi per essa, viene autorizzata a presentare la cambiale al notaio. Il quale, a sua volta, procederà con il pignoramento dei beni immobili e/o mobili posseduti dal debitore. Le cambiali hanno due forme distinte, quella del pagherò e quella della tratta. La prima forma di prestito prevede che il debitore debba emettere una cambiale con l’impegno di pagare la somma avuta in prestito. La seconda forma, invece, ovvero quella della tratta, prevede che sia l’istituto di credito a ordinare al debitore di saldare non la banca stessa bensì un terzo soggetto.

Nel caso del pagherò, i soggetti in gioco sono due (il debitore e il creditore), nel caso della tratta, invece, si hanno tre soggetti distinti (chi emette la cambiale, chi è tenuto a saldare il pagamento e chi ne beneficia).

Chi può accedere a un prestito cambializzato

Non tutti possono aere accesso a un prestito cambializzato. Occorre rispettare dei precisi requisiti per accedervi, e ciò dopotutto riguarda ogni tipo di prestito. Cominciamo dall’età. Solo i soggetti maggiorenni, ovvero che hanno compiuto i 18 anni, possono avere accesso al credito. Vi è anche una soglia massima d’età da rispettare, ma questa varia da banca a banca e dunque per conoscere quale sia occorre rivolgersi all’istituto di credito scelto o quello che si sta valutando per il prestito. Possono accedere al prestito cambializzato:

  • i lavoratori dipendenti, sia a tempo indeterminato che determinato;
  • i liberi professionisti e i lavoratori autonomi;
  • i pensionati;
  • i disoccupati, precari, lavoratori atipici.

Un prestito senza reddito

Anche tutti coloro che non percepiscono un reddito fisso possono accedere alle forme di prestito. Certo, non senza delle garanzie e non a tutti i tipi di prestiti. I prestiti cambializzati possono essere concessi a disoccupati, lavoratori atipici e precari. Tuttavia, devono poter presentare alla banca delle valide garanzie. Queste possono essere rappresentata da beni immobili, come una casa sulla quale iscrivere un’ipoteca. Ma anche da un garante che si impegna a provvedere al pagamento del debito qualora il soggetto che lo richiede risulti insolvente.

Pro e contro di un prestito con cambiali

Per chi non ha molte garanzie da offrire, la soluzione del prestito con cambiali è l’ideale. Ricordiamo, infatti, che la presenza di una busta paga o del Modello Unico o anche del cedolino della pensione, sono tra i requisiti fondamentali da offrire al momento in cui si richiede un prestito. Inoltre, sappi che con un prestito cambializzato è possibile avere una certa flessibilità nel rimborso, visto che è possibile emettere nuove cambiali. Anche chi non percepisce un reddito può avere accesso al prestito, e questo rimane il vantaggio più importante. Fin qui solo aspetti positivi, ma quali sono gli svantaggi? Uno degli svantaggi più evidenti riguarda il fatto che per accedere a questo tipo di finanziamento, avrete bisogno di un garante. Soprattutto se rientrate nella categorie dei lavoratori atipici o, peggio ancora, se siete senza reddito.

Non solo, ma dovrai presentare alla banca anche altre forme di garanzie, come ad esempio un’assicurazione obbligatoria. E, in caso di mancato pagamento delle rate si avvierà una procedura di recupero del credito attraverso un protesto. Infine, i costi di un prestito con cambiali sono superiori rispetto ad altre forme di prestito personale.

Prestito cambializzato tra privati

Una valida alternativa al prestito erogato dalla banca, è rappresentata da un prestito tra privati. E’ possibile ricorrere al prestito con cambiali tra privati. In genere si parla di piccole somme di denaro. Il prestito tra privati è una soluzione eccellente, e a volte anche l’unica, tra quelle persone che non hanno valide garanzie da presentare alla banca.

Questa forma di prestito è molto veloce, ed è anzi una delle forme più veloci in assoluto. Si può ricorrere a un familiare o un amico per la richiesta di un prestito tra privati, ma anche rivolgersi a finanziarie specializzate.

Prestito cambializzato a domicilio

Avete mai sentito parlare di prestiti cambializzati a domicilio? Può sembrare bizzarro, eppure esiste realmente anche questa forma di prestito. In questo caso si fa affidamento su intermediari finanziari che fanno da tramite tra te e la banca erogatrice del prestito, che si recano direttamente presso il tuo domicilio. E’ una forma di prestito valida se si è residenti in zone che non forniscono un tale tipo di finanziamento. Non tutte le banche, infatti, erogano i prestiti con cambiali e, in questi casi, ci si può avvalere dei prestiti a domicilio.

Conclusioni

Un prestito cambializzato è particolarmente adatto a chi non possiede un reddito costante e regolare. Anche chi è stato segnalato come cattivo pagatore per prestiti passati, può avere libero accesso al prestito con cambiali. Sono certamente dei vantaggi notevoli, ma non bisogna dimenticare gli aspetti problematici, come gli alti costi, la necessità di un garante e la legittimità da parte della banca di procedere, in caso di insolvenza, con il pignoramento dei beni. Se hai intenzione di richiedere un prestito di questo tipo puoi rivolgerti alla tua filiale di banca, ma anche a un’altra banca dove non possiedi conto corrente o presso una finanziaria.